RAEE

I RAEE sono i Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche, ossia tutti rifiuti derivanti da dispositivi che per il loro funzionamento utilizzano energia elettrica, inclusi tutti i componenti e i materiali parte integrante del prodotto nel momento in cui si assume la decisione di disfarsene.

 

Sono suddivisi in 10 categorie:

 

  • Grandi elettrodomestici
  • Piccoli elettrodomestici
  • Apparecchiature informatiche e per telecomunicazioni
  • Apparecchiature di consumo (elettronica di consumo)
  • Apparecchiature di illuminazione
  • Utensili elettrici ed elettronici
  • Giocattoli e apparecchiature per il tempo libero e lo sport
  • Dispositivi medici
  • Strumenti di monitoraggio e di controllo
  • Distributori automatici

 
I RAEE possono inoltre essere di 2 tipi, a seconda dell'origine: RAEE domestici, generati dai nuclei famigliari e i RAEE professionali, prodotti dalle aziende e dalle attività amministrative ed economiche.

 

Ogni anno in Italia si producono almeno 1,5 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici (RAEE).

 

Sebbene ancora distanti dall'avvio di un'economia a circolo virtuosa, la raccolta di rifiuti tecnologici incomincia a registrare anche nel nostro Paese interessanti risultati: per i soli rifiuti domestici l'Italia è passata dalle 193.000 tonnellate del 2009 alle 225.931 tonnellate del 2013. Per quanto riguarda invece l'e-waste delle aziende non ci sono ancora dati ufficiali ma la sensibilità delle principali imprese nazionali sta gradualmente crescendo.

 

 

Omino RAEE 2
NEWSLETTER

Invia